Chirurgia refrattiva

Le tecniche di intervento: PRK, Lasik e Lasek

chirurgia oculistica

Fn dal 1992, i medici del poliambulatorio Vista 2000 praticano interventi di chirurgia refrattiva, impiegando laser ad eccimeri, strumento utile a variare il potere diottrico della cornea. Tale variazione può avvenire attraverso tre tecniche:

  • due superficiali, PRK e LASEK;
  • una intrastromale, LASIK.


Per la correzione chirurgica dei difetti visivi la struttura di Torino si avvale dell'innovativo laser a eccimeri Technolas 217P, che esegue esclusivamente trattamenti personalizzati, grazie anche a un avanzatissimo sistema eye-tracking, che garantisce il controllo totale della ablazione laser tenendo conto di ogni movimento dell’occhio e valutando tre differenti parametri:

  • oscillazioni su asse orizzontale;
  • oscillazioni su asse verticale,
  • movimenti rotatori.

Le informazioni sulle caratteristiche della cornea del paziente vengono sviluppate attraverso la comunicazione della stazione diagnostica Zyoptic con il software del laser 217P.
La macchina è in grado di eseguire:

  • trattamenti di tipo asferico, ripristinando il grado di asfericità che la cornea del paziente aveva prima dell’ablazione a scopo rifrattivo;
  • trattamenti tissue saving, utili per miopie medio-alte, in quanto riducono al minimo l’ablazione del tessuto corneale;
  • trattamenti custolizzati, che si basano sulle informazioni date dal fronte d’onda rilevato dall’aberrometro. Tale trattamento consente di intervenire anche su difetti visivi dovuti a irregolarità asimmetriche della superficie corneale.


Caratteristiche del laser Technolas 217P

Il laser è stato costruito per trattamenti personalizzati, in quanto la tecnica planoscan, che prevede un algoritmo uguale per tutti, è da considerarsi superata da questa macchina.
Si possono eseguire quindi fotoablazioni della cornea di tipo asferico, miranti a ricostruire la asfericità della superficie corneale che si aveva prima del trattamento correttivo; fotoablazioni con risparmio di tessuto (tissue saving) con la quale si possono eseguire correzioni di difetti rifrattivi elevati, in quanto la macchina intaccherà il profilo corneale del 30% in meno rispetto ad un trattamento standard; trattamenti personalizzati a guida aberrometrica: questo tipo di ablazione consente di correggere difetti rifrattivi legati anche ad irregolarità della superficie corneale.
Questo è possibile grazie a un avanzatissimo sistema di Eye – Tracking.

Per informazioni, rivolgetevi in segreteria.

Share by: